ROI campagne
News 2013

News 2013

NEWS 2018 2016 2015 2014 2013

CRESCO 4, il nuovo supercomputer dell’ENEA
Installato presso il Centro Computazionale per la Ricerca sui Sistemi Complessi), CRESCO 4, il supercomputer dell’ENEA che entrerà in funzione a febbraio 2014, è un cluster Linux dotato di circa 5.000 cores per una potenza nominale di calcolo pari a 100 TFlop/s. Gli ambiti di utilizzo variano dalla scienza dei materiali alla biofisica, dalla climatologia alla fluidodinamica computazionale, dalla fusione nucleare alla chimica computazionale. (Image credit: ENEA)www.cresco.enea.it

Un nuovo passo verso il computer quantistico
Stabilito un nuovo record di stabilità per un qubit: prodotto a temperature criogeniche e portato a temperatura ambiente è sopravvissuto 39 minuti. I risultati sono stati pubblicati su Science in Room-Temperature Quantum Bit Storage Exceeding 39 Minutes Using Ionized Donors in Silicon-28. Il risultato rappresenta un ulteriore passo in avanti per la realizzazione di componenti realmente affidabili che permetteranno, in prospettiva, di realizzare i computer quantistici – www.sciencemag.org

CLERECO, meno guasti agli apparati elettronici
Il progetto europeo CLERECO (Cross-Layer Early Reliability Estimation for the Computing cOntinuum), coordinato dal Politecnico di Torino, svilupperà un software avente l’obiettivo di contribuire a salvaguardare il più possibile dai guasti gli apparati elettronici. Il progetto, del valore complessivo di 4 milioni di euro in tre anni, comporterà la realizzazione di dispositivi con un minor numero di componenti e, di conseguenza, con costi più bassi e minor impatto ambientale – www.clereco.eu

European Robotics Week 2013
La Scuola di Robotica è Coordinatore Nazionale della “European Robotics Week 2013”, che si svolgerà, con più di 80 eventi, dal 25 novembre al 1 dicembre 2013. Obiettivo della euRobotics Week è informare il pubblico sull’impatto che i robot hanno e, avranno sulla società, ispirare studenti di tutte le età a occuparsi di scienza e tecnologia e rafforzare la posizione dell’Europa nel mercato mondiale dell’ICT e della robotica – www.eu-robotics.net

Circuiti alimentati interamente dalla luce
Ricercatori dell’Istituto Nanoscienze del CNR, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), l’Università del Salento e le Università di Madrid e di Parigi, hanno sviluppato un transistor alimentato con segnali ottici, il cui funzionamento si basa sull’interazione quantistica tra radiazione e materia. Questo importante risultato dell’optoelettronica apre alla possibilità di realizzare circuiti logici alimentati esclusivamente con la luce, più veloci ed economici – www.nano.cnr.it

Una mano artificiale in grado di fare quasi tutto
Il Centro di Ricerca “E. Piaggio” dell’Università di Pisa e l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova hanno sviluppato il progetto “Pisa-IIT SoftHand”, la mano artificiale in grado di fare quasi tutte le prese che fa una mano umana. L’arto robotico si controlla semplicemente con la contrazione dei muscoli dell’avambraccio ed è in grado di restituire il senso della forza esercitata, il tutto con una struttura semplicissima, economica e robusta – www.centropiaggio.unipi.itwww.iit.it

La sfida del Large Hadron Collider (LHC) alle reti
La costruzione di LHC, con la sua straordinaria produzione di dati provenienti dagli esperimenti ALICE, ATLAS, CMS e LHCb, ha offerto sfide senza precedenti per chi progetta le reti. La presa dati a LHC dal 2010 al 2012 ha dimostrato la validità del paradigma di calcolo distribuito basato sul Grid Computing e sull’idea di federare i centri di calcolo che partecipano agli esperimenti facenti parte della collaborazione Worldwide LHC Computing Grid (WLCG) – wlcg.web.cern.ch

É operativo il Sardinia Radio Telescope (SRT)
Con una parabola orientabile del diametro di 64 m, un’altezza di circa 70 m ed un peso complessivo di 3.000 tonnellate, l’SRT è il più grande radiotelescopio d’Europa. Può operare sia in modalità a singola antenna, sia in modalità interferometrica con altri telescopi del mondo. Il progetto, finanziato con 60 milioni di euro principalmente dal MIUR, dall’ASI e dalla Regione Sardegna, si inquadra in un ampio programma di sviluppo scientifico, tecnologico e di alta formazione – www.srt.inaf.it

GARR, la rete telematica ad alte prestazioni dell’Università e della Ricerca
GARR è la rete telematica italiana dell’Università e della Ricerca ed il suo principale obiettivo è quello di fornire connettività ad altissime prestazioni e servizi avanzati alla comunità scientifica ed accademica italiana. La rete GARR è ideata e gestita dal Consortium GARR, un’associazione senza fini di lucro fondata con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – www.garr.it

Protesi per ripristinare il senso del tatto
Un team di ricerca della University of Chicago, nell’articolo “Restoring the sense of touch with a prosthetic hand through a brain interface” pubblicato su PNAS, presenta i risultati di uno studio effettuato su macachi, che potrebbe portare allo sviluppo di protesi modulari per gli arti superiori e di sistemi sensoriali da impiantare nel cervello di amputati e soggetti paraplegici in grado di ristabilire le percezioni sensoriali del tatto perso e il controllo motorio – www.uchicago.edu